Questa è una vecchia versione del documento!


SEZIONE ANAGRAFICA

Nome e Cognome: Wentworth Micheal Sheppard (Capitano di Vascello)
Nato/a il: 6 giugno 1972 a Los Angeles, USA
Età: 37 anni
Classificazione: homo sapiens sapiens
Nome di battaglia: Swat (Special Weapons And Tactics)
Affiliazioni: Navy Seal (US Navy), Saints (f)

CARATTERISTICHE FISICHE

Occhi: azzurri
Capelli: castani ma rasati cortissimi
Carnagione: -
Corporatura: slanciata, snella
Altezza: 1.89 m
Peso: 80 kg
Timbro vocale: basso
Segni particolari: busto e braccia completamente tatuate

Abbigliamento da battaglia: classica divisa militare, nera, berretto da baseball nero, e occhiali da vista con lenti che si oscurano alla luce del sole
Abbigliamento civile: veste quasi sempre in jeans, magliette e felpe, l’onnipresente berretto e gli occhiali

Poteri:
1 - Straordinaria abilità mentale e intelligenza, nella costruzione e progettazione in ogni piccola cosa o progetto, in gioventù ha architettato scherzi e furti (più che altro per una sfida personale, di compiti, tempi di esami e cose simili) che nessun altro avrebbe mai potuto mettere in atto. Questa dote come il secondo punto è stato amplificata dall’assunzione di una droga, il “M.E.A.S.U.R.E.D.” (Mental Enhancement (to) Allow Survival Under Risky Enemy Drives) studiata dall’esercito appositamente per lui.
2 – Ha una mira infallibile, dote naturale, qualsiasi cosa lanci e spari, finisce inevitabilmente esattamente dove voleva lui, anche questa dote è stata amplificata dall’assunzione prolungata del “M.E.A.S.U.R.E.D.” che ha fatto di lui il tiratore scelto per eccellenza della Marina Militare.
L’assunzione mal gestita della droga, però hanno portato Sheppard a sviluppare una terza capacità, o debolezza.
3 – Una sorta di empatia mentale con le persone che lo circondano, ne sente ogni minima emozione, ma sono quelle negative, di solito le più forti (dolore, odio ecc), ad andare a influenzare di più il suo stesso umore e le sue reazioni se non controllate, e se ha un contatto fisico con una persona in stato di forte emotività, in pratica ne assorbe l’emozione. Ad esempio se entra in contatto fisico con un persona che soffre, questa persona proverà una sensazione di serenità, mentre la sofferenza provata prima passa a Sheppard. Innegabile che questo aspetto ha reso Sheppard un tantino restio verso i contatti fisici, molto spesso porta dei guanti.
Tutto questo è letteralmente “esploso” a seguito di una somministrazione eccessiva del “M.E.A.S.U.R.E.D.” (una overdose in pratica) eseguita da una dottoressa che voleva che Sheppard lo aiutasse a trovare il figlio rapito, ma ha portato Sheppard sull’orlo della pazzia. Un’adeguata terapia psicologica, l’utilizzo di alcuni farmaci al bisogno, e l’uso di un paio di occhiali da vista decisamente non normali, che in pratica ne limitano il campo visivo, per dargli modo di concentrarsi su poche cose alla volta, lo hanno riportato ad una stabilità mentale tale da essere reintegrato nei ranghi dell'esercito. Anche se non può più essere utilizzato nel vecchio ruolo di tiratore scelto, in quanto ha perso completamente la capacità di uccidere a sangue freddo.

NOTE BIOGRAFICHE

Background e storia attuale:
Nato a Los Angeles, da genitori benestanti, con cui però si è ritrovato ben presto in contrasto, per le insormontabili divergenze, sulla gestione corretta del suo futuro. Il padre ricco imprenditore, deciso ad avere il figlio con se nella gestione della sua azienda, si scontra con la volontà di Wentworth, ben deciso a fare tutto il contrario.
A scuola eccelle nei voti, ma non nel comportamento, si mette spesso nei guai, perché riesce a portare a segno diverse bravate, che potrebbe lasciare anonime, ma il giovane Wentworth vuole che si sappia chi ha avuto l’ardire e la genialità per farlo.
Non viene cacciato da scuola solo per gli ottimi voti, l’influenza del padre, e per i meriti sportivi, non si interessa dei classici sport, football, basket o baseball, ma la sua attenzione si focalizza sulle discipline del tiro a segno, perché affascinato dalle armi.
Vince decine di premi, perché non sbaglia mai un colpo, questo e tutte le sue altre attitudine attirano presto l’attenzione dei reclutatori militari, una volta laureato, in ingegneria si arruola in marina che ne fan ben presto il loro migliore tiratore scelto, all’interno dei Navy Seal, ignorandone all’inizio le reali potenzialità.
Wentworth in un primo momento accetta la marina più che altro per andare ancora una volta contro la volontà del padre, ma poi capisce che la cosa effettivamente gli piace, anche se ha volte deve sopprimere le sue doti e il suo temperamento.
Ben presto però riescono a capirne le grandi potenzialità, non diventa solo un semplice tiratore scelto, ma viene messo a capo delle unità speciali di incursori, anche se le sue doti prettamente fisiche non sono a livello dei compagni, è spesso grazie a lui che le varie squadre rientrano senza perdite o quanto meno con il minimo dei danni, ed è molto amato dal suo gruppo.
Da qui, alcune alte sfere, prendono la decisone di migliorarne ancora il suo rendimento con l’aiuto di droghe, all’insaputa dello stesso Sheppard, che non ha mai approvato l’utilizzo di mezzi chimici per migliorare le prestazione dei soldati, ma lo scopre quando ormai è diventato dipendente, e nel modo peggiore.
Nel 2003 una dei dottori, la dottoressa Porter, del team che segue le squadre speciali, ma anche l’utilizzo dei vari integratori chimici, e per la quale Sheppard risulta avere un debole e di cui si fida, riesce in qualche modo a rapire Sheppard, perché un cellula terrorista sapendo dell’unità di Sheppard vuole eliminarla colpendone il capo, attraverso appunto la dottoressa, ricattandola con il rapimento del figlio.
Ma la Porter non ha nessuna intenzione di consegnare subito Sheppard, vuole che lui trovi e liberi il figlio, per questo gli fa una dose massiccia di “M.E.A.S.U.R.E.D.” svelandogli che era già diverso tempo che veniva sottoposto a questo tipo di trattamento, attraverso il cibo ingerito, e con questa dose endovena vuole dargli la possibilità di massimizzare le sue doti per aver più possibilità di riuscita una volta nelle mani dei terroristi. Le cose non vanno secondo i piani della donna, e alla consegna lei viene uccisa, e Sheppard finisce nelle mani dei terroristi, che prima di eliminarlo voglio ottenere informazioni preziose da lui.
Le sue doti potenziate dalla droga gli permettono di fuggire e liberare il figlio della dottoressa ancora vivo, scappano nel deserto, (Sheppard scoprirà poi essere quello del Nevada) inseguiti dai terroristi riescono quasi a raggiungere la liberta, ma la crisi provocata dalla mancanza di droga, i sensi acuiti al massimo dall’adrenalina portano Sheppard allo stremo delle forze, incomincia a sentire il dolore del bambino che porta con se, come se fosse il suo, l’odio dei loro inseguitori.
Alla fine i terroristi riescono a colpire il bambino, che gli muore tra le braccia, il trauma della morte del piccolo è forte, il dolore del piccolo, della vita che si spegne lentamente entra nella mente di Sheppard, diventa il suo dolore, reagisce brutalmente, uccidendo i terroristi, ma l’odio e di nuovo il dolore, dei suoi nemici raggiunge la sua mente, mandandola in tilt e facendolo svenire.
Viene ritrovato dalla sua squadra partita alla sua ricerca.
Quando si risveglia all’ospedale militare, luogo per antonomasia di sofferenza, tutte le emozioni dei pazienti attorno a se lo aggrediscono tutte in una volta e ancora una volta la sua mente entra in crisi, portando i dottori a metterlo in una cella imbottita isolata, credendolo ormai perduto, ma il relativo isolamento lo riporta alla realtà, dando modo di spiegare quello che gli sta succedendo. Analisi e approfondimenti permettono di capire come dar modo a Sheppard di affrontare la nuova situazione e tornare a servire il proprio paese, l’esercito sa bene di non potersi permettere di perdere un tale elemento.
Occorrono parecchi mesi perché tutto torni ad una relativa normalità per Sheppard, alla fine si è scoperto che l’uso prolungato della droga, e l’overdose, con l’assenza totale subito dopo, hanno portato la mente di Sheppard a sintetizzare autonomamente il neurotrasmettitore che aumentava le sue capacità, lasciandolo quindi ad un elevatissimo livello mentale, senza bisogno di interventi esterni, ora più volti a rallentarne le capacità, per dare possibilità all’uomo di vivere normalmente nelle situazioni non critiche.
Da qui, alcuni farmarci da prendere in caso di bisogno, e gli occhiali creati appositamente per lui delle Stark Enterprises, lo aiutano a concentrarsi su poche cose per volta, occhiali che ovviamente non porta in missione.
Un’altra terapia che l’ha aiutato a superare il crollo psicologico è stato la progettazione e quindi realizzazione del tatuaggio che gli ricopre tutta la parte superiore del corpo, ogni demone e ogni angelo sono la rappresentazione delle vite tolte e di quelle salvate, in continua lotta tra di loro.

Istruzione:
Laureato in Ingegneria con il massimo dei voti

Abitudini:
Le sue abitudine prima del 2003 erano quelle di un uomo normale, facente parte dell’esercito, quando non impegnato in missione o alla base, usciva con i gli amici, con donne, non ne ha mai avuta una veramente importante.
Dopo quanto accaduto nel 2003, è diventato più schivo, quindi esce meno, ha meno amici

Profilo psicologico e caratteriale:
Sheppard da giovane è sempre stato una persona a cui piaceva divertirsi e che amava la compagnia degli amici, e non disdegnava certo quella femminile, però già la vita militare, prima e quanto successo nello sviluppo delle sue doti, lo hanno portato a isolarsi un pochino di più.
E’ un tipo generoso, pronto a tutto per le persone che ama, e per i compagni di squadra, è stato un cecchino, quindi sapeva essere anche freddo e calcolatore, ma da quando ha acquisito l’empatia mentale, non riesce più a premere il grilletto con tanta facilità.

 
personaggi/swat.1255940001.txt.gz · Ultima modifica: 2009/10/19 10:13 da emanv_it
 

MARVEL and all Related Comic Book Characters: TM & ©2003 Marvel Characters, Inc. www.marvel.com
Tutti i diritti sui contenuti di questo sito (nomi, immagini, testi ed altro) sono di proprietà dei rispettivi autori e/o case editrici, sotto la tutela delle leggi internazionali sul copyright/trademark. Il sito e il GDR ad esso collegato è totalmente privo di scopi di lucro da parte degli autori, dei giocatori e degli eventuali collaboratori. Lo scopo è puramente amatoriale e perciò non è assolutamente affiliato o dipendente da alcun editore.


Recent changes RSS feed Creative Commons License Powered by PHP Valid XHTML 1.0 Valid CSS Driven by DokuWiki