SEZIONE ANAGRAFICA

Nome e Cognome: Nathan D. Francesco
Nato il 18 agosto 1979 a Venezia, Italia
Età: 22 anni
Nome di battaglia: Truelove
Affiliazioni: Slayers, Exiles, the new Kimaera Inc.

CARATTERISTICHE FISICHE

Occhi: neri
Capelli: neri, corti
Altezza: non reperita
Peso: non reperito
Carnagione: olivastra
Timbro vocale: ombroso ma giovanile, tradisce insicurezze caratteriali
Segni particolari: sorriso magnetico

Abbigliamento da battaglia: costume bianco (che diventa nero nella sua forma negativa)
Abbigliamento civile: Quando non combatte indossa abbigliamento casual, con forte predilezione per camicie hawaiane sgargianti.

Poteri:
Truelove si manifesta sotto forma di corpo d’energia oscura, che può volare, attraversare oggetti solidi o interagire con essi a seconda di come desideri. Nat può anche assere avvolto da Truelove, fondendosi in un unico essere: in tali casi la sua forza e la sua resistenza aumentano considerevolmente, ma non può attraversare corpi solidi sebbene possa comunque volare. Maggiore é la distanza che separa il corpo fisico da Truelove, minori sono le sue capacità (forza, velocità)

NOTE BIOGRAFICHE

Background e storia attuale:
Figlio, di ignoti, fin da quando venne adottato all’età di otto anni Nathan ha lottato per affermare il suo diritto di appartenenza al mondo altolocato dei suoi genitori adottivi. Ha cercato di assecondarli in tutto, plasmandosi a loro immagine… fino a quando all’età di quattordici anni capì di non essere altro che l’oggetto del loro vanto, l’incarnazione della loro generosità che esibivano con amici e parenti. Tradito dalla famiglia che pensava di aver trovato, iniziò per lui un periodo di intensa ricerca nel quale sperimentò qualunque forma di autolesionismo nel tentativo di annullare il dolore che lo attanagliava: la consapevolezza di essere solo. A 16 anni, pronto ormai a dire addio alla vita, incontrò colei che cambiò il suo destino: la sedicenne Katie. Se ne innamorò subito e cambiò tutto di se stesso per riuscire nel farla innamorare. Quando la ragazza gli confessò di condividere i suoi sentimenti, Nathan sentì finalmente di non essere più solo.
Il destino purtroppo non era dalla loro parte: solo qualche settimana dopo, durante un’uscita in barca, i due vennero sorpresi da una tempesta. Nathan fece il possibile per dominare la barca, ma le onde ebbero la meglio. Aggrappatosi ad un albero galleggiante, Nathan vedeva a qualche metro da lui la sua ragazza sprofondare, senza avere la forza di raggiungerla. Ebbe solo il tempo di formulare un pensiero nella sua mente: pensò che non avrebbe voluto essere di nuovo solo, che qualunque cosa fosse successa non avrebbe voluto perderla. E così fu.
Per qualche tempo i due condivisero un legame simbiotico, fino a quando Nat, incontrata Maddie, sosia perfetta di Katie, se ne innamorò. Solo allora si decise a chiedere al dotto McCoy di compiere delle analisi che da tempo rimandava sulla biochimica del suo cervello: i risultati confermarono che non esistevano due differenti onde cerebrali, e che quindi Katie non era altro che una sua forma patologica di affrontare la morte della ragazza. Aiutato da Daniel, costruì delle barriere mentali che impedissero a Katie di manifestarsi.
Quando ormai Nat e Maddie erano ad un passo dall’altare, gli Slayers dovettero affrontare il loro momento più buio, e Nat dovette confrontarsi con una Maddie che manifestò all’improvviso per sé poteri inimagginabili, proclamandosi la Regina dei Goblin. Gli Slayers vennero soggiogati e tenuti prigionieri al cospetto di un avversario conosciuto solo come “Egli”, cui sembrò che Maddie fosse in qualche modo legata. Nel tentativo di liberare i compagni, Nat spezzò le barriere che tenevano imprigionata Katie, la quale si scagliò contro la nuova Regina dei Goblin. Entrando in contatto le due entità si fusero: in un esplosione telecinetica di forza inaudita il nuovo essere reclamò per sè il titolo di Fenice, solo per cadere poi al suolo privo di coscienza.
Il tempestivo intervento di Darkman, che si sacrificò per liberarli, spinse gli Slayers attraverso la dimensione oscura governata dal ragazzo, lasciando Maddie in balia del suo destino.
Per molto tempo i suoi compagni credettero che il ragazzo con il volto di Nathan che li aveva raggiunti in seguito, Feron, fosse il Truelove che avevano conosciuto.
In realtà Nathan era stato esiliato su un pianeta alieno, dove restò confinato fino all`arrivo di alcuni vecchi compagni portati laggiù da un anomalo teletrasporto.
Maturato nell`uso dei suoi poteri (che sembravano aver perso le caratteristiche mentali a favore di quelle fisiche), e determinato a riprendere la sua vita, Nathan tornò con i futuri Kimaera Miami sulla Terra, deciso a smascherare l`impostore che aveva usurpato la sua identità.
Il confronto con Feron si concluse con l`uscita di scena del signore del Limbo, che lasciò la Kimaera L.A. permettendo a Truelove di subentrargli.
Nathan, seppure dubbioso, accettò di restare con quelli che per lui erano perfetti estranei, e lentamente trovò il suo ruolo all`interno del gruppo.
Un recente incidente ha però minato questa ritrovata sicurezza: a causa di un`esplosione i poteri di Truelove sembrano essere scomparsi. Nathan ha deciso comunque di continuare ad aiutare i suoi compagni, contando sull`aiuto di due misteriosi bracciali fornitigli dall`amico Dane.
Istruzione:
Pur avendo frequentato il liceo, Nathan non si è mai diplomato. In compenso ha seguito diversi corsi presso lo Xavier`s Institute, al tempo della sua permanenza presso gli X-Men.

Abitudini:
non reperito

Profilo psicologico e caratteriale:
Se la relazione con Katie gli aveva insegnato quanto l’amore potesse portare alle vette più alte e nel più profondo dei baratri, l’esperienza con Maddie aveva confermato questa impressione.
Nathan é un ragazzo forte e determinato, deluso da tutto ciò che lo ha circondato fin dalla nascita, tristemente rassegnato all’abbandono come stato naturale della vita. E’ un solitario, ma naturalmente ambisce ad una felicità che sente gli sia stata negata fin troppo a lungo.
Per questo si lega profondamente a pochi amici ma instaura con loro rapporti molto profondi, che per lui finiscono per costituire l’unica famiglia che abbia mai avuto.
Nonostante le ferite che l’amore gli ha portato, Nathan non rinuncia a credere nel Vero Amore, che per lui rappresenta l’ideale verso cui gli uomini devono protendersi per mettere in luce la parte più vera del proprio io.

 
personaggi/truelove.txt · Ultima modifica: 2009/10/19 21:52 da emanv_it
 

MARVEL and all Related Comic Book Characters: TM & ©2003 Marvel Characters, Inc. www.marvel.com
Tutti i diritti sui contenuti di questo sito (nomi, immagini, testi ed altro) sono di proprietà dei rispettivi autori e/o case editrici, sotto la tutela delle leggi internazionali sul copyright/trademark. Il sito e il GDR ad esso collegato è totalmente privo di scopi di lucro da parte degli autori, dei giocatori e degli eventuali collaboratori. Lo scopo è puramente amatoriale e perciò non è assolutamente affiliato o dipendente da alcun editore.


Recent changes RSS feed Creative Commons License Powered by PHP Valid XHTML 1.0 Valid CSS Driven by DokuWiki