SEZIONE ANAGRAFICA

Nome e Cognome: Michael Hoare
Nato il: 26 Giugno 1981 a: Dublino, Irlanda
Età: 30 anni (*)
Classificazione: Ibrido Alieno
Nome di battaglia: Vega
(*): a causa di un viaggio nel tempo, Michael ha vissuto 8 anni nel passato. La sua età anagrafica non coincide più con quella biologica ed è per questo motivo che -una volta tornato al presente- ha deciso di adottare l`identità dell`uomo che ha impersonato durante gli anni vissuti nel passato.

CARATTERISTICHE FISICHE

Occhi: Verdi
Capelli: Castano-Rossi
Carnagione: Chiara
Altezza: 185 CM
Peso: 75 KG
Timbro vocale: Normale. Solitamente calmo e rilassato.


Abbigliamento da battaglia: (vedi immagine)
Abbigliamento civile: piuttosto casual, anche se nel tempo libero ama tornare ad indossare la sua vecchia uniforme da pilota

Poteri:
1. Controllo Psionico dei fluidi (Idrocinesi)
E` in grado di controllare le sostanze liquide con la sola forza del pensiero. Solitamente utilizza questo potere per scagliare potenti getti d`acqua come fossero arieti da battaglia o per emettere impulsi idrocinetici in grado di sommuovere ogni sostanza liquida in un ristretto raggio d`azione. Questi impulsi possono essere di due tipi: concentrati o ad area.
Gli Impulsi Idrocinetici Concentrati sono l`equivalente di un pugno lanciato ad alta velocità, causando un sommovimento biologico pari ad un colpo ben assestato.
Gli Impulsi Idrocinetici ad Area sono, invece, molto meno potenti ma hanno l`effetto secondario -non trascurabile- di far perdere l`equilibrio e a volte anche i sensi a chiunque si trovi all`interno del raggio d`azione.
Solo recentemente ha cominciato a rivolgere il proprio potere verso l`interno del corpo umano, nel tentativo di sfruttarlo in maniera curativa.
Per ora è solo in grado di arrestare la perdita di sangue da una ferita e provocare l`espulsione di un corpo estraneo (come proiettili o schegge), ma è convinto di poter arrivare ad isolare particolari sostanze all`interno del sangue (come piastrine o endorfine) per pilotarle la guarigione di una ferita o anestetizzare una determinata parte del corpo.
2. Forma Liquida
Può mutare il proprio corpo in una forma liquida, perfettamente stabile. La concentrazione richiesta per passare alla forma liquida è minima. Se privo di sensi, il suo corpo ritorna automaticamente alla sua forma solida. Non è in grado di passare dalla forma solida a quella liquida se è ferito in maniera medio-grave. Quando si trova nella forma liquida, qualsiasi colpo inflitto da un oggetto solido (danni da schiacciamento o da penetrazione) lo attraversa senza arrecargli alcun danno (a parte un lieve fastidio, simile alla pelle d`oca, nel sentirsi attraversato da un corpo estraneo). In questa forma è però normalmente vulnerabile ad attacchi di tipo energetico o mistico. E` particolarmente vulnerabile all`elettricità, mentre riesce a resistere senza problemi sia alle alte che alle basse temperature (senza, cioé, il rischio di evaporare o congelare).

NOTE BIOGRAFICHE

Background e storia attuale:
Nato Mutante, cresciuto studiando le Arti Mistiche, Michael era il membro più giovane ed inesperto del gruppo di Supereroi chiamato Slayers. Poco avvezzo all`uso dei suoi poteri, discretamente abile nell`uso della magia, durante la prima missione degli Slayers il suo Corpo Astrale venne infettato dall`essenza di un parassita psichico: il Re delle Ombre.
Il parassita visse nella mente del ragazzo per parecchi mesi, nutrendosi di angoscia e paura, rabbia e frustrazione. Tutte emozioni che di certo non mancavano fra gli Slayers. Rinvigorito e saziato dalle energie demoniache di uno dei nemici del gruppo, il Re delle Ombre s`impadronì totalmente della mente di Michael, rivolgendo i poteri del ragazzo (decuplicati, grazie alle prorie abilità psioniche) contro gli stessi Slayers, nel tentativo di trasformarli in schiavi. Ma gli sforzi congiunti degli Slayers (dall`esterno) e di Michael (dall`interno) riuscirono a distruggere il parassita. Il gruppo ignorava, però, che una piccola scheggia del Re delle Ombre era rimasta nei recessi della mente di Michael. Troppo lieve, per essere percepita; troppo debole per divenire cosciente.
La battaglia col Re delle Ombre, tuttavia, aveva lasciato altre e ben più visibili cicatrici in Michael. I suoi poteri mutanti parevano scomparsi, così come la quasi totalità dei suoi talenti mistici. L`unica cosa rimasta a Michael era un pugnale magico, grazie al quale riusciva ancora ad evocare qualche lieve incantesimo.
Ma la perdita dei poteri non lo fermò né lo demoralizzò. Deciso più che mai a non essere un peso per la squadra, cercò un modo per rendersi utile trovandolo nelle lezioni di volo per pilotare il nuovo superjet degli Slayers e nelle sedute di allenamento nella pratica del Tai-Chi-Chuan, tecnica di combattimento e meditazione che -nelle speranze del ragazzo- avrebbe potuto riportare la sua mente ad un nuovo vigore.
Ma il destino aveva molto altro in serbo per lui: durante lo scontro con i misteriosi alieni Askarh, esseri in grado di assumere forma liquida e manifestare ridotte capacità psioniche, Micahel affrontò corpo a corpo uno degli alieni. Questi, assumendo forma liquida, penetrò all`interno del corpo del ragazzo, iniziando a colpirlo sia a livello fisico che psichico. Nel disperato tentativo di porre fine al dolore, Michael compì un gesto estremo: conficcò il pugnale magico nel proprio petto. Il pugnale sigillò le essenze dei due, preservandone gli spiriti, ma non i corpi! L’Askarh all’interno di Michael sapeva che se voleva sopravvivere doveva unire le forze con il corpo che lo ospitava; spronò, quindi, il ragazzo a risvegliare i suoi poteri mutanti al fine di espellerlo. Michael vi riuscì, ma l`esperienza lo aveva mutato. Letteralmente. Non lo sapeva ancora, ma il suo stesso DNA era stato alterato.
L`attentato alla vita degli Slayers e il loro scioglimento diedero poco tempo al ragazzo per indagare meglio su ciò che gli era capitato. Fu solo con la nascita della Kimaera Inc. e grazie all`incontro con gli X-Men che alcuni dei misteri sui suoi poteri vennero svelati: secondo il Dottor McCoy, Michael non era più classificabile come mutante. La sua fisiologia era tanto aliena quanto poteva esserla quella dell`Askarh che lo aveva attaccato. Era persino in grado di manifestare una delle caratteristiche peculiari degli Askarh: la mutazione del corpo allo stato liquido.
I mesi trascorsero e Michael sentiva il controllo sui suoi poteri crescere ogni giorno di più. Aveva finito per trascurare gli abituali esercizi nelle Arti Mistiche per dedicarsi totalmente all`esercizio dei suoi poteri. Una notte, però, la notizia dell`aggravarsi delle condizioni della madre lo lasciò senza alternative: a malincuore doveva lasciare il gruppo. Sapeva che se, ancora una volta, avesse anteposto ai suoi doveri di figlio quelli di eroe, non se lo sarebbe mai perdonato. Chiese a Feron, uno dei compagni di squadra, di aprire per lui un disco di teletrasporto per l`Irlanda e si congedò dalla Kimaera. Purtroppo qualcosa andò storto. La scheggia del Re delle Ombre, rimasta assopita per mesi e mesi, decise di cogliere quell`occasione. Chiamando a sé le esigue forze raccolte, riuscì a divenire cosciente quella frazione di secondo necessaria per interferire nel processo di teletrasporto. Michael si ritrovò catapultato indietro nel tempo. Precisamente nel 1941, in piena Seconda Guerra Mondiale!
Michael, turbato e frastornato, impiegò diversi giorni per riprendersi. Alla fine, conscio di non poter fare nulla per tornare nel suo tempo e circondato da morte e distruzione, decise di rassegnarsi e vivere quella nuova vita che il destino gli aveva imposto. Si arruolò nella RAF e trascorse gli anni della guerra come pilota dei bombardieri inglesi nei panni del Tenente Pilota Michael Hoare.
Quando alcuni dei suoi ex compagni di squadra viaggiarono indietro nel tempo per recuperarlo, per Michael erano trascorsi otto lunghi anni. Cresciuto e maturato, era divenuto un veterano delle battaglie nei cieli dell`Europa. Naturalmente anche i suoi poteri erano maturati. Ma, mentre le abilità mutanti erano divenute più acute e precise, i talenti mistici si erano del tutto assopiti, a causa della totale mancanza di esercizio.
Il ritorno al presente fu molto difficile. Per tutti non erano trascorsi che pochi mesi; per Michael erano passati anni! La peggiore delle cose fu scoprire che sua madre era morta durante la sua assenza. Il dolore fu molto forte e Michael decise di non ritornare subito alla sua vecchia vita, assieme ai Kimaera. Aveva molte cose da sistemare. E molte altre da capire. Si congedò dal gruppo, ma senza tagliare i legami che lo legavano a molti dei compagni che, per sempre, avrebbe chiamato Amici.

Istruzione:
Laureato in Scienze e Storia delle Civilità Antiche, parla correttamente una dozzina di lingue (comprese parecchie lingue morte) Addestrato alle Arti Mistiche, anche se oramai non è più in grado di lanciare alcun incantesimo, rimane un profondo conoscitore dell`arcano e del magico che circonda il mondo.

Abitudini:
Ogni volta che ne ha la possibilità, si lancia nel cielo a bordo del suo aereo (un Tiger Moth degli anni `40, restaurato ed in perfette condizioni). Sa di riuscire a mettere tutto nella giusta prospettiva, librandosi nell`aria.

Profilo psicologico e caratteriale:
Da quando è tornato dal passato, Michael è molto cambiato. Non è più il ragazzino spaurito dei primi Slayers, né il giovane che tenta di comprendere i suoi poteri della prima Kimaera. Michael è cresciuto. Maturato nel fuoco di numerose battaglie, segnato profondamente dagli eventi del secondo conflitto mondiale, oggi dimostra un carattere molto più sfaccettato. Sa ancora bene quanto valga la forza di un sorriso, ma si guarda bene dallo sprecarne. Non concede più tanto facilmente la sua fiducia, anche se è sempre disposto a dare al prossimo una seconda possibilità. Tuttavia, con quelli che definisce `amici` è tutta un`altra persona: espansivo e cordiale.
L`essere divenuto comandante sul campo del proprio stormo di bombardieri gli ha permesso di sviluppare diverse abilità strategiche che sfrutta tutt`ora. Conosce l`importanza del lavoro di squadra, ma sa valorizzare le capacità del singolo.
Continua a non sopportare le ingiustizie, i mezzi termini e l`ipocrisia, ma ha imparato a controllare quell`impulsività tipica della gioventù. Rimane comunque pronto a confrontarsi con chiunque per un ideale in cui crede.

 
personaggi/vega.txt · Ultima modifica: 2009/10/19 21:25 da emanv_it
 

MARVEL and all Related Comic Book Characters: TM & ©2003 Marvel Characters, Inc. www.marvel.com
Tutti i diritti sui contenuti di questo sito (nomi, immagini, testi ed altro) sono di proprietà dei rispettivi autori e/o case editrici, sotto la tutela delle leggi internazionali sul copyright/trademark. Il sito e il GDR ad esso collegato è totalmente privo di scopi di lucro da parte degli autori, dei giocatori e degli eventuali collaboratori. Lo scopo è puramente amatoriale e perciò non è assolutamente affiliato o dipendente da alcun editore.


Recent changes RSS feed Creative Commons License Powered by PHP Valid XHTML 1.0 Valid CSS Driven by DokuWiki